CURARE LA PSORIASI E MIGLIORARE LA QUALITA’ DEL SONNO CON IL LETTO INCLINATO

 

Come già detto, una delle patologie che risulta trarre notevoli ed evidenti benefici dalla Terapia del Letto Inclinato (Inclined Bed Therapy) è la psoriasi. A questo riguardo riportiamo di seguito due testimonianze che abbiamo trovato sul sito di Andrew Fletcher   https://inclinedbedtherapy.com/testimonials/skin-conditions-psoriasis-eczema-scar-healing .

La prima è di una signora australiana che racconta quanto segue:

“Ciao brava gente, questo è per condividere un’esperienza che potrebbe giovare ad alcuni di voi.
Sarò breve … Io ho vissuto i sintomi della psoriasi nei miei ultimi 20 anni … improvvisa diffusione in tutto il mio corpo che non è mai scomparsa ed ora ho 40 anni.
Nel corso degli anni ho sperimentato la maggior parte dei “rimedi” noti e sconosciuti, cambiamenti nutrizionali, farmaceutici e di stile di vita.
Di tutti questi era promettente solo una vita da spiaggia ai tropici o la terapia con esteri di acido fumarico.
Per quest’ultimo si sono posti però problemi di costo, difficoltà di reperimento in Australia ed effetti collaterali.
Per farla breve: da maggio di quest’anno, da quando mi sono imbattuta nel sito web di Andrew Fltecher e ho saputo della potenziale correlazione tra psoriasi e IBT – Inclined Bed Therapy, dormo su un letto inclinato di 5 gradi.
Ora – alla fine di ottobre (inverno australiano), quando il problema dovrebbe aggravarsi a causa della mancanza di esposizione al sole, la mia pelle è tornata alla normalità.
5 mesi di graduale scomparsa delle lesioni cutanee.
Inoltre, vorrei far notare che in 15 anni ciò non è mai accaduto prima in maniera spontanea.
Io lo associo al letto inclinato e alla conseguente modifica del flusso linfatico/sanguigno.
Tanja – South Australia”

La seconda è di un signore inglese:

“Il sito Web e le informazioni fornite da Andrew hanno avuto un impatto immediato su di me.
Ho avuto esperienze in fisiologia e le sue idee sulla gravità sono nuove, importanti e, come è ovvio, sono una riscoperta di come dovremmo dormire tutti.

In tempi abbastanza recenti gli egiziani c’erano già arrivati ma, senza dubbio, sono stati aiutati da altri poiché la conoscenza e l’esperienza sono cicliche e non lineari come noi occidentali tendiamo a credere.
Purtroppo le idee di Andrew non sono state accolte a braccia aperte poiché stiamo vivendo un’era dominata dalle aziende farmaceutiche, ma nella nostra casa sono state subito molto ben accette.
Quindi, sabato 17 febbraio 2018 è stata la nostra prima notte di sonno inclinato ma – poiché sono un impulsivo – avevo subito alzato il letto di 6 pollici e, alle 3.30 di mattina, mia moglie si è precipitata fuori dalla nostra camera da letto, dichiarando che non poteva dormire in questo modo.
Giustamente castigato, l’ho convinta a riprovare con un rialzo di 3 pollici.
Entrambi abbiamo adorato questa nuova posizione e nel tempo abbiamo progressivamente aumentato l’altezza e raggiunto l’inclinazione di circa 5 gradi.
Adesso dormiamo inclinati anche quando siamo fuori casa e non vorremmo mai fare diversamente.

Al momento io ho 58 anni e mia moglie ne ha 51.
Ho sofferto di lieve psoriasi a placche, principalmente sulle gambe, per circa 8 anni.
Al confronto con altri il mio caso era molto più leggero, ma comunque preferivo tenere le gambe coperte.
Ora sono migliorato al 95% e sono praticamente libero da ogni lesione.
Questo è molto piacevole ed è una testimonianza della verità delle idee di Andrew.
Inoltre mi sento sempre ben riposato e ho anche ricevuto alcuni commenti positivi al riguardo della mia postura.

Mi sento in salute e continuerò a dormire inclinato per il resto della mia vita, con l’auspicio di una vecchiaia attiva e priva di indebite preoccupazioni.
Inoltre io adoro parlare agli altri di queste idee e indirizzarli verso il sito IBT (Inclined Bed Therapy), ma ottengo risposte contrastanti.
Ho una bella storia di un amico di famiglia di 89 anni e di sua moglie di cui vedremo gli sviluppi.
Mia moglie ed io abbiamo inclinato personalmente di 4 pollici il loro letto, un divano diviso in due parti, circa 6 settimane fa.

Anche mia moglie sta avendo risultati interessanti. Dopo essersi abituata a questo modo di dormire, ne sta raccogliendo i benefici e sta gradualmente notando dei cambiamenti positivi.
Soffriva di mal di testa circa 2 o 3 volte a settimana e si svegliava per prendere del paracetamolo, che l’aiutava a dormire.
Questi mal di testa sono scomparsi rapidamente e non sono tornati più.
Sta anche iniziando la sua menopausa e, per questo, soffre di vampate di calore, ma ora sono molto lievi e, in generale, sta bene e non ha alcun sintomo rilevante.
Sta anche diventando una nottambula: è più riposata ed ha potuto aggiungere un’ora alle sue attività giornaliere.
Ora viene a letto verso mezzanotte, prima non ce la faceva ad andare oltre le 23.
Quindi, adesso, sette ore e mezza le sono sufficienti e le basta dormire un po’ di più nel fine settimana.

Grazie Andrew per tutto il tuo tempo e il tuo impegno nel corso degli anni, amore da entrambi.
Jim e Latha – United Kingdom”

 

Lascia un commento
Name
E-mail
Il tuo commento